Beppe Grillo: la parabola discendente di una stella?

Ho sempre avuto molta stima di questo simpatico comico, per la caustica efficacia dei suoi spettacoli, per il fatto che comunque a lungo è stato una fonte di informazione indipendente e (cosa sempre gradita) molto divertente. Come dimenticare il suo ruolo nel preconizzare il crack Parmalat, nel rendere pubblici i retroscena di molti eventi finanziari poco limpidi (caso Telecom primo tra tutti), più in generale a fungere da pungolo e da persona “scomoda” ai potenti di questo scassato paese alla deriva. Grazie, Beppe. Grazie di cuore. Tuttavia da un pò di tempo – secondo me – sta uscendo dalle righe. Forse l’apice del suo successo (o l’inizio della parabola discendente) è stato il V-day. Un’evento mediatico che ha fatto storia, coinvolgendo un pò tutti, me compreso. In effetti la nostra putrescente classe politica ci ha estratto con le tenaglie un bel vaffanculo, con comportamenti assolutamente scandalosi e strafottenti nei confronti dei cittadini che li votano. Tuttavia fino a questo evento il comico genovese ha fatto – nel bene e nel male – il suo mestiere: fare satira. Fare satira è scomodo, ma utilissimo, in quanto è uno stimolo utile per tenere pungolata l’intellighenzia che governa l’Italia. Tuttavia mi sembra che adesso l’azione di Beppe Grillo stia diventando sempre più un movimento politico. Il concetto di introdurre dei “bollini di qualità” ai politici mi sembra assurdo, in quanto nessuno a questo mondo detiene la verità. E chi controlla poi la veridicità delle credenziali dei candidati politici “certificati”? Grillo in persona? Mah! I conti non mi tornano per niente quando poi elemosina ai suoi fans di finanziargli i V-day, perchè – poveretto – ha perso 80000 euro per organizzare il primo. Il passo succesivo quale sarà, forse chiedere un finanziamento statale?? A coloro che vedono in Beppe Grillo il Maestro che gli indica la strada, invito a considerare che il comico genovese dieci anni fa distruggeva a mazzate i computer sul palco (l’ho visto fare di persona), mentre adesso pensa che grazie alla Rete il mondo potrà magicamente trasformarsi nel paese delle meraviglie. Meditate, gente, meditate. Beppe Grillo secondo me farebbe meglio a tornare a fare quello che in passato ha fatto bene: una satira intelligente che informi i cittadini in modo divertente. Dio solo sa quanto ce n’è bisogno in Italia. Lasci stare la politica, altrimenti anche lui in tempi rapidissimi diventerà come quelli che critica tanto. Se non peggio.

Annunci

Tag: , , , , ,

7 Risposte to “Beppe Grillo: la parabola discendente di una stella?”

  1. Nicola Says:

    E’ da molto che mi chiedo come mai,dopo tutti gli scandali scoperti dalla vostra associazione non ci siano state conseguenze per coloro i quali sono presi in esame!!!!
    la democrazia in questo paese sta scomparendo, sempre che ci sia mai stata!
    Internet non è ancora il mezzo di comunicazione di massa che voi vorreste purtroppo!
    Le TV sono di proprietà, quindi di parte,probabilmente COME PURE I GIORNALI!!
    Mi chiedo solo se c’è speranza. Piano piano le istituzioni hanno fatto in modo di dividere le persone!!! Impoverendole. Se non c’è modo di unirle di nuovo L’Italia è spacciata!
    Il sonno della ragione genera mostri!!! E a questo punto i mostri si sono moltiplicati a tal punto da non essere controllabili, ne modificabili!!!
    COSA RESTA DA FARE A NOI GIOVANI? ANDARE VIA COME I NOSTRI NONNI?
    MIGRARE PER POI FORSE TORNARE TRA 40 ANNI?
    Forse è l’unica cosa saggia da fare! O forse no?
    Da che mondo è mondo le persone non hanno il medesimo valore!
    E non vengono trattate allo stesso modo….
    Oggi però,siamo di fronte alla vittoria del BRACCIO DURO ATTO ALLA CONSERVAZIONE DEL PRIVILEGIO….. cioè delle istituzioni che proteggono Tutti quelli che dell’Italia e degli Italiani se ne fregano pur essendone I Padroni!!!
    I problemi veri nn sono i Termo Valorizzatori o che per loro!!
    IL PROBLEMA E’ L’ETICA, LA RAGIONE, I VALORI, cose ben più complicate da cambiare!! Dico Complicate solo perchè rifiuto il fatto di doverle chiamare IMPOSSIBILI Mandi!!!!

  2. ilnaufrago Says:

    Non ho capito a quale associazione alludi all’inizo del tuo commento, Nicola. Sul resto sono d’accordo: il problema cntrale di questo paese è la perdita dell’etica, della ragione dei valori. Circa le soluzioni, credo che migrare all’estero sia l’unica…
    ma spero di sbagliarmi. 🙂

  3. phuongnana Says:

    This post is hotting, and both of this post and this blog are high ranked in the top report of wp. But today we have generated
    a more pro top blogs daily report
    . Now I’ve just posted the newest report , see and reply me some comments. Thanks.

  4. procton Says:

    Beppe Grillo era un mito, adesso sta veramente cadendo in basso. Bellissimo post. Hai del fegato, caro Naufrago, di questi tempi toccare certi mostri sacri non è popolare.

  5. ilnaufrago Says:

    Ehm… phuongnana… don’t spam my blog, pease…

    Non lo so, procton, in effetti nell’Italia di oggi è difficile salvare qualcosa… una volta per me Grillo era un mito, oggi molto meno… speriamo bene…

  6. nakagura Says:

    Beppe Grillo comincia diventare uno dei tanti populisti che urlano tanto per ingrassare il loro conto in banca. Uno più uno meno… ormai non se ne accorge più nessuno!

  7. ilnaufrago Says:

    Già. Ma molti lo vedono ancora come un Dio in terra. Credo che se tornasse a fare il comico sarebbe molto meglio per tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: