Il successo di Federico Moccia: inequivocabile segnale del degrado della società italiana.

Dal mio punto di vista sui libri scritti da Federico Moccia c’è poco da dire: si tratta di carta straccia. Penso a “Tre metri sopra il cielo”. Un brivido di freddo mi scorre lungo la schiena. Ha venduto centinaia di migliaia di copie. Una storiella d’amore (amore?!?!) adolescenziale piatta, ridicola, banale. I personaggi sono una banda di mantenuti che senza alzare una pietra (molti di loro sono dediti a furti, aggressioni e raggiri vari) girano griffati dalla testa ai piedi. Un’elencazione di marche e locali alla moda. Chi lavora facendosi il mazzo è un povero pirla, chi vive di aggressioni e furti è un vincente. Un libro profondamente amorale e diseducativo. Non parlo degli altri suoi libri in un sussulto di amor proprio e di rispetto per la letteratura.

Dai libri di Moccia sono stati tratti anche dei film, per la gioia di una generazione di teenagers cresciuti nel culto del Grande Fratello e guardando Maria De Filippi. L’ultimo della serie è il patetico “Scusa ma ti chiamo amore”. Raul Bova e Michela Quattrociocche recitano da cani. Forse sarebbe meglio dire che non recitano. Che altro aspettarsi da una generazione di attori formatisi nel dorato e irreale mondo della televisione e non facendosi il mazzo a teatro??

Questo ridicolo film ha incassato in tre giorni quattro milioni e seicentomila euro. Pazzesco. Tanto di cappello a Federico Moccia e al suo conto in banca: questo autore ha saputo sfruttare alla grande il degrado culturale che attualmente impera in Italia. Un degrado che trova le sue radici in una televisione e più in generale di un’informazione che fanno schifo, ma che sono stati acriticamente accettati dai giovani, che si sono bevuti tutta la spazzatura televisiva come delle spugne. Il bello è che questi ragazzi, che adesso sognano una vita facile basate sull’ozio e sulle griffe, dovranno affrontare la dura realtà del lavoro (quando c’è) sottopagato e precario. In bocca al lupo, ragazzi!!

Annunci

Tag: , , , , , ,

14 Risposte to “Il successo di Federico Moccia: inequivocabile segnale del degrado della società italiana.”

  1. TooMuchSugarInMyCoffee Says:

    Dopo questo post, grande Naufrago, se vuoi andare a proporre una petizione per espellere GF, Maria de Filippi e Moccia dalla televisione (dal mondo sarebbe meglio) sono umilmente ai tuoi ordini.
    Che dire.
    Di Moccia una persona astuta, senza dubbio. Come del resto di tutti quelli che stanno sfruttando questa piaga sociale ricavandone molto più che congrue remunerazioni: successo, notorietà, amicizie, potere…
    L’unico modo per protestare è non dare “gli ascolti” a queste persone…anche se per affrontare il nemico, bisogna conoscerlo. E una volta basta…solo una per rendersi conto che andiamo sempre più in basso, che ogni volta pensiamo di aver raschiato il fondo…NO, sempre più giù.
    Questo blog è terapeutico: è uno strumento di sfogo,di liberazione su tutto quello che non va in questa barca piena di merda in cui ci troviamo. Continua così grande Naufrago.
    Ciao.

  2. ilnaufrago Says:

    Troppo buono, TooMuchSugraInMyCoffee! Comunque Moccia è ormai il paradigma di una classe di scrittori che prosperano sul letamaio culturale in cui si è ridotta essere l’Italia. Uno schifo. Per i casi “Maria de Filippi” anni fa ho affrontato il problema alla radice, portando in discarica la televisione. Ma ai libri non riesco a rinunciare. Leggere è cibo per la mente, e personalmente alla mia mente ci tengo.

  3. astiest Says:

    hey!!!! passavo di qui per caso!
    cercavo qualcosa su “berlusconi prosciolto”, ma penso che ci sia poco da dire. tra l’altro pure la sua squadra di calcio e i loro cugini. Figliocci e Padrini…
    poi ho letto il pezzo su Moccia, e ho pensato: “ma non è che mi sveglio di notte e divento il Naufrago!!!!
    Sai… tipo Fight Club.
    Mi sa che ci passerò più spesso da ste parti.
    Saluti!

  4. ilnaufrago Says:

    Ti ringrazio, astiest! E’ bello vedere che ci sia ancora gente che ci tiene ai suoi neuroni e considera Moccia per quello che è: un venditore di pattume! Grazie ancora del generoso commento. 🙂

  5. mich Says:

    Senza togliere merito a Moccia ho scaricato gratuitamente un romanzo e, credetemi ….è BELLISSIMO,tratto da una storia vera. “NON VOLEVO FINISSE COSI” scritto da Rody Mirri lo si può trovare sul sito dell’autore http://www.rodymirri.it sez. I miei libri

  6. ilnaufrago Says:

    Ehm… forse non hai capito il senso del post, mich… secondo me Moccia NON ha nessun merito… anzi, è dannoso e diseducatico. Comunque non importa, darò un’occhiata al link.

  7. nakagura Says:

    Grande naufrago!!! 🙂 Anche io sono stomacato da Moccia e la controcultura (ma forse dovrei dire la sua visione del mondo a-culturale) che sta portando avanti.

  8. ilnaufrago Says:

    Giusta osservazione, nakagura: Moccia è a-culturale. Il successo che riscuote è una cartina tornasole del degrado della società civile in Italia. 😦

  9. sara Says:

    grande
    passa da me
    cmq
    ti ho copiato il post 🙂
    sto facendo una politica-antimoccia
    ciaoo
    http://sarellarellachefai.spaces.live.com/

  10. ilnaufrago Says:

    Sara, mi fa molto piacere che tu abbia copiato il post. Ti ringrazio di avere citato la fonte. E’ bello vedere che ci siano persone col cervello connesso! Non ho potuto rispondere sul tuo blog perchè su spaces.live non si può commentare a meno di non essere iscritti… e io non lo sono… grazie del commento! 🙂

  11. francogentile Says:

    In realtà, il successo di questa letteratura-spazzatura è un bel problema.
    Se provaste, come mi tocca professionalmente, visto che insegno, a far entrare nel cervello di molti linguaggi e concetti appena più complessi del “pensiero unico” propinato dai Moccia, vedreste come gli adolescenti (almeno moltissimi) fanno fatica a intendere fin le parole, magari quelle di uso comune e di livello appena superiore al “cazzeggio” da strada, in cui i vari “scrittori” tipo Moccia si voltolano interessati e compiaciuti.
    Ma…limare un po’ le unghie a questi cialtroni invasivi e devastanti…davvero non si può?
    Sono i maestri di pensiero cui dobbiamo consegnare le nuove generazioni ?

  12. adriano Says:

    secondo me non te lo sai nemmeno letto il libro di moccia….non è che perchè orde di brufolosi giovani lo hanno eretto a proprio mito sia automaticamente “carta straccia”….allora anche il giovane holden è carta straccia seguendo questa logica.
    continuare a disprezzare questo libro per partito preso mi sembra l’operazione più intellettualisticamente intellettualoide che esista…è pari all’essere razzisti in pratica. giudicare senza conoscere non fa onore a nessuno.

  13. Gapsss Says:

    Grazie Naufrago e tutti voi, allora non sono solo … c’è ancora vita in questo pianeta.

  14. FABIO VOLO E LA MEDIOCRITA’ ITALIANA « IO NON APPLAUDO Says:

    […] elevate a mito. Un’operazione commerciale molto più intelligente di quella portata avanti da Federico Moccia, che si limita a vendere pattume letterario ai teenagers lobotomizzati. Di questo bisogna dargli […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: